Nocciole

Caratteristiche: frutto di una pianta della famiglia delle Betulaceae originaria dell’Asia Minore, che sembra sia esistita già 5000 anni fa. Poi si diffuse in Europa: in Svizzera vi sono tracce che risalgono all’età del rame, mentre nell’Antica Roma il nocciolo veniva regalato per augurare felicità. In Italia i maggiori produttori sono Piemonte, Campania e Lazio. Dalla forma tonda o obliqua, le nocciole crescono in coppia o in tre,  sono ricoperte da una membrana verde e lunga quanto il frutto stesso, che occorre togliere per poter rompere il guscio. All’interno di un involucro legnoso si trova il seme oleoso con uno strato sottile marrone, tolto il quale appare color crema.

Proprietà nutrizionali: ( Fonte: INRAN ) Composizione chimica - valore per 100g

  • Parte edibile (%): 42
  • Acqua (g): 4.5
  • Proteine (g): 13.8
  • Lipidi(g): 64.1
  • Colesterolo (mg): 0
  • Carboidrati disponibili (g): 6.1
  • Amido (g): 1.8
  • Zuccheri solubili (g): 4.1
  • Fibra totale (g): 8.1
  • Fibra solubile (g):
  • Fibra insolubile (g):
  • Alcol (g): 0
  • Energia (kcal): 655
  • Energia (kJ): 2740
  • Sodio (mg): 11
  • Potassio (mg): 466
  • Ferro (mg): 3.3
  • Calcio (mg): 150
  • Fosforo (mg): 322
  • Magnesio (mg): 160
  • Zinco (mg): 2
  • Rame (mg): 1.3
  • Selenio (µg): 2
  • Tiamina (mg): 0.51
  • Riboflavina (mg): 0.1
  • Niacina (mg): 2.8
  • Vitamina A retinolo eq. (µg): 30
  • Vitamina C (mg): 4
  • Vitamina E (mg): 15

Raccolta: Settembre

Conservabilità: si conservano bene all'interno del loro guscio, ma se sgusciate, vanno poste al riparo da luce, aria, calore. In frigorifero a +5° per preservarne al meglio le proprietà.

In cucina

a colazione con i cereali, come aperitivo o snack. Si possono aggiungere alle insalate e ai dolci (torte, gelati, budini). Ottime anche tritate per accompagnare pesci o crostacei.

I nostri marchi