Champignon

Caratteristiche: “Agarus bisporus” è in realtà il nome scientifico del più comune fungo champignon. A partire dal I secolo d.C., i funghi champignon sono stati coltivati all’interno delle caverne, mentre le coltivazioni mirate e su larga scala sono iniziate solo nel 1650, nei pressi di Parigi. Per avere in Italia la prima ufficiale coltivazione di funghi champignon bisognerà aspettare l’inizio del Novecento e, più precisamente, il 1913, quando si iniziarono a coltivare i funghi all’interno di grandi grotte artificiali create appositamente nei dintorni di Vicenza. Dagli anni ’50 in poi, nella tecnica di coltivazione dei funghi furono introdotti e utilizzati metodi più moderni, per cui si progettarono stanze e celle climatizzate ad hoc, mentre i terreni iniziarono ad essere concimati a base di paglia di grano pastorizzato e ricoperti con torba. La raccolta degli champignon, da sempre, viene effettuata a mano, e ciò proprio a causa della particolare delicatezza di questa tipologia di funghi che possono facilmente danneggiarsi.

Proprietà nutrizionali: ( Fonte: INRAN ) Composizione chimica - valore per 100g

  • Valore energetico (calorie) (kcal)22
  • Proteine (g)2,5
  • Carboidrati (g)4,3
  • zuccheri (g)1,72
  • Grassi (g)0,1
  • saturi (g)0,014
  • monoinsaturi (g)0,002
  • polinsaturi (g)0,042
  • colesterolo (mg)0
  • Fibra alimentare (g)0,6
  • Sodio (mg)6
  • Alcol ()--

Raccolta: tutto l’anno

Conservabilità: temperatura ambiente in luogo fresco e asciutto

In cucina

ottimi come accompagnamento alla carne, utili per la preparazione dei primi a base di funghi.

I nostri marchi